Crocetta del Montello – Facelia: un fiore per salvare le api

Il Comune di Crocetta del Montello aderisce, quest’anno, all’iniziativa “Facelia: un fiore per salvare le api”, proposta da A.P.A.T. (Associazione Produttori Apistici Trevigiani) – Apicoltori in Veneto, di Nervesa della Battaglia, e F.A.I. (Federazione Apicoltori Italiani), ovvero un’azione di diffusione dell’essenza erbacea Phacelia tanacetifolia, una delle piante
più attrattive per le api, ai fini di

  • contribuire efficacemente alla sopravvivenza degli insetti pronubi, in particolare delle api e
    favorire la biodiversità del proprio territorio comunale;
  • abbellire il paesaggio, grazie alla sua abbondante e prolungata fioritura;
  • arricchire i terreni di materia organica, tramite la pratica del sovescio a fine fioritura.

La Facelia è una pianta spettacolare per i suoi fiori color lilla/viola chiaro; può ospitare contemporaneamente numerose api, ma anche altri insetti impollinatori, garanzia di biodiversità grazie alla sua fioritura scalare che può durare alcune settimane, con un apporto di nettare e polline di qualità; è, infatti, ampiamente utilizzata per scopo nettarifero ed è ottima anche per nutrire il suolo. L’Amministrazione comunale ha, così, destinato una modesta cifra del corrente Bilancio per acquistare 20 Kg di sementi di tale pianta, che saranno distribuiti gratuitamente alla popolazione (anche a chi ha una limitata superficie) nella sede municipale e durante i prossimi eventi pubblici. Innanzitutto sabato 4 maggio 2019, alle ore 11:00, in Villa Ancilotto, è organizzata un’apposita conferenza dal titolo “Lo straordinario percorso di una goccia di miele”, con relatori il Presidente A.P.A.T. Stefano Dal Colle e l’Agronomo Dino Masetto, per informare e sensibilizzare la cittadinanza sull’argomento. Hanno concesso i loro patrocini all’iniziativa Confagricoltura Treviso ed A.P.A.T.; quest’ultima la divulgherà, altresì, nel proprio notiziario “FAI Apicoltura”, destinato ad Autorità e a 1.000 famiglie del Veneto, e nella più autorevole rivista nazionale di apicoltura “Apitalia”.

Lascia un commento