Ri-abitare le chiese chiuse, patrimoni, nuovi usi e paesaggi

Ri-abitare le chiese chiuse, patrimoni, nuovi usi e paesaggi.

Le Chiese si trasformano. Diventano negozi, bar, ristoranti, abitazioni, o addirittura palestre, centri di benessere, discoteche. Accade in altri Paesi ma anche in Italia. Paesi come Francia, Belgio, Olanda, Germania, Svizzera, Stati Uniti e Canada.
Non si hanno dati certi sul numero delle chiese chiuse, riutilizzate o vendute. Il motivo è che manca una ricerca sistematica. Un fenomeno evidente che non è passato inosservato. Al momento è sotto l’attenzione della Santa Sede, stampa, università e centri di ricerca.La Fondazione Benetton Studi Ricerche e Università Iuav di Venezia dedicano il seminario. Un seminario pubblico che si chiama Ri–abitare le chiese chiuse, patrimoni, nuovi usi e paesaggi, a cura di Luigi Latini e Sara Marini. Il seminario è in programma giovedì 24 gennaio alle ore 15.30 nella chiesa di San Teonisto a Treviso. Verrà affrontato il tema della dismissione del patrimonio ecclesiastico. Un altro argomento importante è il suo possibile riutilizzo.


Lo svolgimento di Ri-abitare le chiese chiuse, patrimoni, nuovi usi e paesaggi .

Al seminario Ri-abitare le chiese chiuse, patrimoni e nuovi usi, interverranno:

  • Marco Tamaro, direttore della Fondazione Benetton;
  • don Paolo Barbisan, direttore dell’Ufficio diocesano per l’arte sacra e i beni culturali;
  • seguiranno l’introduzione a cura di Luigi Latini dell’Università Iuav di Venezia;
  • l’intervento di Luigi Bartolomei dell’Università degli Studi di Bologna;
  • di Sara Marini, con Micol Roversi Monaco;
  • Elisa Monaci;
  • Andrea Pertoldeo dell’Università Iuav di Venezia;
  • Leonardo Servadio, giornalista di «Avvenire».

Parleranno di scenari urbani e paesaggi della dismissione. Gli interventi tratteranno anche la nuova vita di chiese abbandonate.


Gli argomenti di Ri-abitare le chiese chiuse, patrimoni, nuovi usi e paesaggi.

Sono molti gli argomenti del seminario Ri-abitare le chiese chiuse, patrimoni, nuovi usi, paesaggi

Saranno trattati aspetti simbolici, architettonici, paesaggistici, e normativi. Il tutto in relazione al riutilizzo dei numerosi luoghi di culto dismessi in Italia e in Europa. Sarà affrontato il caso della chiesa di San Teonisto a Treviso. Oggi una delle sedi della Fondazione Benetton. In oltre verrà esaminata la ricerca sulle chiese chiuse di Venezia. Tema sviluppato presso l’Università Iuav di Venezia, che è all’origine dell’iniziativa.

Ri-abitare le chiese chiuse. Patrimoni, nuovi usi e paesaggi a Venezia.

Il seminario Ri-abitare le chiese chiuse, patrimoni, nuovi usi e paesaggi parla approfonditamente di Venezia. Si tratterà delle Trenta chiese del centro storico di Venezia, non più utilizzate per il culto. Sono indagate attualmente nella ricerca Iuav, come ritrovamenti. L’arcipelago disegnato da questi edifici, sconsacrati racconta oggi diverse assenze. La più evidente è quella dei cittadini. Questi vuoti sono letti in base a tre parole chiave: “eredità”, “uso”, “racconto”. Sono occasioni per riflettere sull’architettura e sull’idea di città.


L’incontro di Ri-abitare le chiese chiuse, patrimoni, nuovi usi e paesaggi.

Il seminario Ri-abitare le chiese chiuse, patrimoni, nuovi usi e paesaggi vi sarà alle ore 18.30.  Un incontro pubblico con l’architetto Tobia Scarpa. Racconterà l’intervento di recupero della chiesa di San Teonisto. Il restauro, ultimato nel 2017, ha restituito un’architettura rinnovata. Un intervento capace di raccontare il passato di un luogo protagonista. Al vertice di una storia lunga e travagliata. che oggi si offre quale centro culturale per la Cttà. Costruita dal 1434 dalle monache benedettine del Monastero di Mogliano Veneto (Treviso), a partire dall’Ottocento. La chiesa ha avuto molte vicissitudini. Una parziale spoliazione in epoca napoleonica. Poi vi furono bombardamenti della seconda Guerra mondiale. Poi ebbe destinazioni d’uso diverse e anni di abbandono nella seconda metà del Novecento. Venne acquisita nel 2010 da parte di Luciano Benetton e donata alla Fondazione Benetton Studi Ricerche

Lascia un commento