A Vittorio Veneto, un omaggio in musica al centenario della fine della Prima Guerra Mondiale

centenario della fine della Prima Guerra Mondiale

Il 23 giugno nella Chiesa di SS Martino e Rosa di Conegliano, vi è stato un concerto in omaggio del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale. Yuri Bashmet ha diretto il concerto offrendo agli spettatori dei momenti di grande emozione.

Protagonisti del concerto  nel Castrum di Vittorio Veneto, cinque celebri violinisti italiani laureati dello storico Concorso nazionale di violino di Vittorio Veneto. Marco Fornaciari, Massimo Marin, Gabriele Pieranunzi, Giulio Plotino e Laura Bortolotto. Si sono alternernati nell’esecuzione della composizione di Cinque riflessioni sul tema del 24° capriccio di Paganini per violino e archi, commissionato dal festival al compositore russo Kuzma Bodrov, già conosciuto e apprezzato dal pubblico del festival grazie ai Solisti di Mosca che ne interpretarono il Gloria ad apertura di  festival nel 2016.

Un omaggio alla gloriosa competizione che ha scoperto e promosso i maggiori violinisti italiani oggi in attività. Lo spettacolo è stato introdotto dall’esecuzione della Sinfonia per archi del compositore russo Gyorgy Sviridov e si è concluso sulle note di Souvenir de Florence, di Čiaikovskij, nella versione integrale, eseguito dai Solisti di Mosca. Il Dopofestival del 23 giugno ha previsto una cena con gli interpreti al Ristorante Al Larin da Bepo (Via Soldera 3C Vittorio Veneto TV).

Il festival ha goduto del Patrocinio del MIBACT, del Ministero della Cultura Russo, e del Patrocinio della Regione Veneto, della storica collaborazione dei Comuni di Conegliano e Vittorio Veneto, della partecipazione del Consorzio Prosecco Doc, Spumanti Masottina, Dersut Caffè e Acqua San Benedetto, l’Azienda Ada Srl, Finint Finanziaria Internazionale e l’azienda russa Novatek.

 

 

Lascia un commento